“Una barbiera napoletana”

Napoli, fine 800-inizio 900. Una donna decide di fare un lavoro da uomo. Tanto causa scompiglio in un piccolo quartiere popolare, tra donne preoccupate per la virtù dei propri mariti e uomini “accesi” da tale novità.

Sulle note delle più belle canzoni napoletane classiche da: “’O sole mio” a “Malafemmina” si dipana una piccola storia di parità di genere, con qualche licenza poetica dell’autrice e regista Caterina Tattoli, attrice in forza del Collettivo di Teatro Popolare Dino La Rocca.
Caterina Tattoli, con questo lavoro, ha prestato la penna alla bravura delle voci della Corale Sergio Binetti con la direzione musicale di un’altra donna, il soprano e maestro Lucia de Bari, nonché protagonista della commedia musicale, che ha voluto fortemente la partecipazione del Coro Jubilaeum dell’Associazione Agoragimus Aps-Terlizzi, diretta dal maestro Fabio D’Amato.
Sul palco, al pianoforte, il valente Maestro Leo Binetti sempre della Corale Sergio Binetti. Un lavoro di squadra, arricchito da vari artisti di nota fama locale e non, con una storia a tematica decisamente “attuale”. Lo spettacolo andrà in scena mercoledì 10 luglio presso l’Anfiteatro di Ponente di Molfetta. Porta ore 20.30, sipario ore 21.00.

Social

MaiorMusica

“Mandiamo in scena nuovi saperi”

Sara, parlaci di questo tuo nuovo progetto, “La scena delle idee”, che si appresta a vivere in una location che appare già fucina...

Sport

Francesco Maggiari è un nuovo giocatore della Molfetta Calcio

La Molfetta Calcio Srl comunica di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Francesco Maggiari.Il neo acquisto biancorosso è un centravanti...

Sport

La Virtus Basket Molfetta mette a segno il primo colpo di mercato: ufficializzato l’arrivo di Giacomo Barnaba

Dopo l’ufficializzazione dello staff tecnico, la DAI Optical Virtus Basket Molfetta è lieta di comunicare di aver perfezionato il primo acquisto in funzione della stagione...

Attualità

Ancora presunti ordigni bellici in località prima Cala

In seguito a segnalazione sulla presenza di presunti ordigni residuati bellici in acqua, a circa 25 metri dalla battigia e su un fondale...