“Stella Lucent”

“O Maria, stella fulgente nel mare tempestoso della vita…”. È da queste parole che è nata la Rassegna Culturale “Stella Lucent” a opera della Confraternita Maria SS. del Buon Consiglio di Molfetta.
Tale rassegna, fortemente voluta dalla nuova Amministrazione, ha la finalità di creare un momento culturale di alto profilo coinvolgendo confratelli e ospiti esterni.
La prima edizione 2024 si è tenuta sabato 20 Aprile e ha visto coinvolti l’Organista titolare della Confraternita il M° Daniele de Palma che ha suonato l’Organo storico Giuseppe Toselli del 1875 e la voce del Confratello Girolamo Binetti; ospite il Flautista M° Alessio Bellarte. A presentare la serata il Confratello Corrado Camporeale.
Importanti e complesse le composizioni in programma: le Sonate da Chiesa per organo in Mi minore e Sol minore di Tommaso Albinoni; la Sonata in Si minore per Flauto e basso continuo di G. F. Handel nonché la bellissima Sonata in Sol minore BWV 1020 attribuita a J. Sebastian Bach ma, secondo moltissimi musicologi, apparterrebbe al figlio Carl Philipp Emanuel Bach. Ad intervallare queste sublimi pagine l’Ave Maria di F. Schubert e il Panis angelicus di C. Frank.

La Rassegna Stella Lucent prende vita per onorare la Madonna del Buon Consiglio durante la novena a Lei dedicata. L’idea parte dall’amico, confratello e Maestro Daniele de Palma che la propose all’amministrazione con un programma che prevedeva composizioni che si ascoltano solo nei grandi teatri. Questa prima edizione è stata, pertanto, una serata di grande musica che ha allietato corpo ed anima. Un complimento particolare ad Alessio ospite della prima edizione. Mi dispiace per chi non ha potuto partecipare, ma diamo appuntamento alla prossima edizione. Le parole del Priore Pietro Minervini.

Ringrazio l’Amministrazione della Confraternita Maria del Buon Consiglio nelle persone del Priore Pietro Minervini, del Primo Componente Gaetano de Candia e del Secondo Componente Leonardo de Bari per aver sostenuto questo importante progetto. Ringrazio di cuore anche il Parroco di S. Gennaro in Molfetta don Andrea Azzollini, per aver concesso l’utilizzo dell’organo storico per la novena e la rassegna. Investire, oggi, in cultura, specie in questo momento storico che vede un assopimento culturale in ogni suo aspetto e specie in un quartiere che ne è stato privato per moltissimi anni, è di primaria importanza. Spero che si possano realizzare nuove edizioni di Stella Lucent e che esse diventino “stella”, punto di riferimento annuo fisso, per l’intera Città di Molfetta. Queste le parole del M° de Palma, direttore artistico della rassegna.

Social

Attualità

“Salvami”, incontri all’ombra dei Pini di Via Don Minzoni

Mentre proseguono i presidi giornalieri dei tanti cittadini riuniti nel Comitato in difesa del Verde e del territorio molfettese e sempre in attesa...

Politica

Gestione Park Club, proroga immotivata

Desta grande sconcerto la decisione dell’amministrazione comunale di prorogare per un’altra stagione, sino al 30 ottobre 2024, la concessione dell’area del “Park Club”...

Attualità

È nel dubbio che la fede si genera

Il contrario della fede non è il dubbio ma l’incredulità. Il dubbio è il grembo della fede. È nel dubbio che la fede...

Attualità

“È Tennis mania. Il talento dei pionieri a Molfetta”

Solo due mesi fa nell’ultima conferenza sul tema “Molfetta ed il calcio” e nella contestuale assegnazione del PREMIO ANTONIO GIANCASPRO ad Angelo Terracenere,...