Si è conclusa la quarta edizione del Premio letterario “don Tonino Bello”

Venerdì 19 aprile alle 19.00 presso l’Aula magna del Seminario Vescovile si è conclusa la quarta edizione del Premio letterario “don Tonino Bello” con la proclamazione dei vincitori. La manifestazione conclusiva del Premio – composto da due sezioni dedicate a poesiametafisico-civile e al giornalismo di prossimità, promosso dalla redazione del settimanale diocesano Luce e Vita e dall’Associazione Stola e Grembiule – quest’anno è rientrata nel calendario di appuntamenti per le celebrazioni del 31° anno dal dies natalis del Venerabile Mons. Bello e tra gli eventi per i 100 anni dalla prima pubblicazione di Luce e Vita.

Hanno preso parte alla serata don Pasquale Rubini, direttore dell’Ufficio Diocesano per le Cause dei Santi, Anna Santoliquido, poeta e scrittrice, Gianni Antonio Palumbo, ricercatore in Letteratura Italiana presso l’Università degli Studi di Foggia e curatore della rubrica di poesia metafisico-civile Riflessi per il settimanale Luce e VitaNicola De Matteo, poeta e scrittore, Piero Ricci, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Puglia e giornalista del quotidiano La Repubblica, Luigi Sparapano, giornalista della redazione di Luce e Vita, don Giuseppe Germinario Susanna Maria e Candia, direttore e vicedirettrice del settimanale Luce e Vita, Tania Adesso, attrice.

Nel corso della manifestazione, sono stati proclamati i vincitori per la sezione della poesia metafisico civile

1° classificato: Prendi tutto – Tina De Santis, Bitonto (BA), Puglia

2° classificato: Ero carcerato – Chiara Bertoglio, Torino, Piemonte

3° classificato: Briciole – Alessandro Errico, Sannicola (LE), Puglia

Premio “Donne e Poesia”: La sposa bambina – Stefania Raschillà, Genova, Liguria

Menzione “Riflessi”: A chi è uscita dalla vita – Giuseppe Mandia, Perugia, Umbria

Menzione speciale:  Nu Criste arreccuòte – Vincenzo Mastropirro, Bitonto (BA), Puglia

Segnalazione di merito:

Un nuovo giorno – Giovanna Sgherza, Molfetta (BA), Puglia
L’olio – Elena Venturini, Sissa Trecasali (PR), Emilia Romagna
Canta l’uomo dell’isola – Maria Novella Todaro, Firenze, Toscana

Per la sezione del giornalismo di prossimità, invece, sono risultati vincitori i seguenti articoli:

1° classificato: In culla come dono (La Stampa), Valeria D’Autilia, Taranto, Puglia

2° classificato: La disperazione dell’indotto: imprenditori e dipendenti che chiedono di sopravvivere (Avvenire) – Marina Luzzi, Taranto, Pugli

3° classificato ex aequo: Papà Gianpietro e il suo Ema “pesciolinorosso” (logosnews.it) – Valentina Di Marco, Bernate Ticino (MI), Lombardia

3° classificato ex aequo: RSA, vuol dire Ricordati Sempre Amore (lasettimanalivorno.it) – Chiara Domenici, Livorno, Toscana

Menzione Luce e Vita: La coppa dei Vichinghi del Baskin (Avvenire) – Roberto Mazzoli, Pesaro, Marche

Menzioni speciali:
Refugees, quando il calcio lavora per l’integrazione (Tuttosport) – Giuseppe Granieri, Copertino (LE), Puglia
Pietro Bartolo a Senigallia. Da Lampedusa al parlamento europeo per un mondo più giusto (vocemisena.it) – Laura Mandolini, Senigallia (AN), Marche

Le relazioni della Prof.ssa Santoliquido e di Piero Ricci sul lavoro delle commissioni valutatrici hanno impreziosito la serata, già ricca di versi poetici, declamati dalla lettrice e dai poeti intervenuti, e anche di testimonianze sulle storie di prossimità raccontate negli articoli premiati, offerte dagli autori giornalisti.

Social

Attualità

Un nuovo bene confiscato da ristrutturare a Molfetta

Il 2 maggio scorso è stata pubblicata la Determinazione Dirigenziale n. 530 con la quale si approvava il progetto definitivo per la ristrutturazione...

Cultura

“L’intelligenza artificiale”, conferenza organizzata dall’ANEB

Quando si parla di intelligenza artificiale si immagina un mondo futuristico in cui macchine e uomini convivono o in cui i robot sono...

Attualità

Servizio Civile Universale Anci Puglia

In ottemperanza al Bando Servizio Civile Universale 2023, si comunica che i colloqui per le selezioni dei candidati volontari che hanno presentato domanda...

Attualità

Trentadue anni fa la Strage di Capaci

“Ci vediamo stasera”. Furono queste le parole con cui Rocco Dicillo salutò la sua fidanzata il 23 maggio del 1992. Non si videro...