“Quindici anni per avere la verità giuridica”

Questa sentenza d’Appello chiude definitivamente il primo capitolo sul nuovo porto commerciale di Molfetta. L’ex Sindaco Sen. Antonio Azzollini, il dirigente dell’epoca Ing. Vincenzo Balducci, e gli altri professionisti assolti anche in Appello. Sono felice per loro e per Molfetta. Ancora una volta è stato dimostrato che sul nuovo porto commerciale di Molfetta sin dal 2001 si è agito solo ed esclusivamente per il bene della Città e per fare con passione una grande opera pubblica. Per tutti quelli che ci hanno lavorato e creduto, ad iniziare dall’ex Sindaco Azzollini, allora presidente della Commissione Bilancio del Senato. La sola colpa è di essere stati convinti che il nuovo porto commerciale è il futuro della nostra Città. Ma quanta fatica, sofferenza dover dimostrare di essere persone per bene quando il “destino” si accanisce. E’ il coraggio di chi è consapevole di aver agito correttamente, certo con la frenesia della passione, ma con rispetto delle norme e soprattutto del pubblico denaro. Quindici anni per avere la verità giuridica. Un procedimento amministrativo cominciato nel 2001, l’inchiesta giudiziaria nel 2009, il sequestro ed il blocco dei lavori nel 2013, la ripresa dei lavori nel 2020, l’assoluzione in Corte d’Appello nel 2024.

Per il nuovo porto commerciale di Molfetta, però, non c’è ancora pace. Sembra una maledizione che non finisce eppure la convinzione che è la più grande opera pubblica necessaria allo sviluppo di Molfetta è sempre più forte e di interesse nazionale. Il nuovo porto poteva essere già oggi operativo e la Città ne avrebbe già goduto delle ricadute occupazionali.
Invece dobbiamo attendere ancora, il blocco dei lavori dal 2013 al 2020 ha prodotto una ferita profonda sul piano dei costi e dei tempi. E non è finita. Una delle opere pubbliche più grandi e complesse in Italia, ha ancora un nuovo capitolo d’indagine aperto. Spero vivamente che si possa completare l’importante opera pubblica. Attendiamo con fiducia che la Magistratura scriva la verità giuridica anche di questo secondo capitolo. Ma i complottisti di mestiere abbiano un sussulto di autocritica. Ora più che mai non si possono vanificare i tanti soldi pubblici consumati, parliamo di circa 100 milioni di euro, le tante sofferenze patite, le tante speranze singole e collettive soffocate, il tanto tempo perduto alla vita socio economica di Molfetta.

Tommaso Minervini

Social

Attualità

“Fatti” per essere testimoni

Luce sugli Atti degli apostoli per ritrovare lo slancio della prima evangelizzazione: questo il tema degli Esercizi Spirituali semiresidenziali organizzati dal Settore Adulti...

CulturaMaior

Carabellese e Kant: “Nessun limite alla conoscenza”

Organizzato dai Licei Einstein-Da Vinci e dall’Opera Pia Monte di Pietà e Confidenze, con il patrocinio dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari,...

Sport

Voglia di rifarsi in casa Indeco Molfetta

Dopo il bellissimo successo casalingo nel derby contro Gioia, torna al PalaPoli l’Indeco Molfetta che, domani, affronta la BCC Leverano nel ventunesimo turno...

Politica

Una firma per la pace

Sabato 13 aprile dalle ore 19 alle 21 alle 21 saremo al corso Umberto altezza Galleria Patrioti Molfettesi per la raccolta firme a...