Gli Obscure Paths lanciano “Cosmonisti”

Il quartetto strumentale di Molfetta, Obscure Paths, ha pubblicato di recente (dicembre 2023) il suo terzo album, “Cosmonisti”, un’opera psichedelica che evoca l’universo stravagante del romanzo di Mikael Niemi, “Il Manifesto dei Cosmonisti”. La collaborazione con la casa editrice Iperborea ha permesso agli Obscure Paths di mettersi in contatto con l’autore, il cui entusiasmo per la musica dell’album ha confermato il successo dell’opera.

Un’opera psichedelica: “Cosmonisti” degli Obscure Paths

L’opera “Cosmonisti” degli Obscure Paths è un viaggio attraverso le profondità dell’universo e della mente umana. Questo terzo album della band molfettese è molto più di una semplice raccolta di brani: è un’esperienza immersiva che trascina l’ascoltatore in mondi di avventura e riflessione, ispirati al romanzo “Il Manifesto dei Cosmonisti” di Mikael Niemi. Dal momento che la band utilizza spesso il tema dello spazio e dell’astronomia come sottotesto alle proprie canzoni, il libro ha rappresentato una scelta perfetta per l’ispirazione. Composto durante gli anni della pandemia, “Cosmonisti” contiene 8 tracce, ognuna delle quali riprende un capitolo del libro in questione, offrendo un’esplorazione musicale dei temi e delle atmosfere del romanzo. Ogni brano dell’album è un’immersione profonda in temi esistenziali e fantastici: da “Ponor”, che esplora il concetto di punto di non ritorno, al provocatorio “Why Not White?”, che mette in discussione l’origine dell’universo, passando per “Pause” che riflette sull’assenza di uno scopo nella vita, e “Kurt” che esplora il concetto di sfortuna e destino, ogni traccia offre una nuova prospettiva sulle vicende dei Cosmonisti. Ma l’esperienza sensoriale durante l’ascolto non si ferma qui: il disco è accompagnato da un booklet illustrato, realizzato in collaborazione con l’esperto illustratore Francesco Riccardi, che presenta 8 diverse opere d’arte digitali, ispirate ai racconti dei capitoli e alla musica che ne deriva. Il primo singolo dell’album, “Why Not White”, è già disponibile su YouTube, accompagnato da un video animato creato dallo stesso Riccardi, che cattura perfettamente lo spirito dell’album.

Il successo di Cosmonisti: l’entusiasmo di Niemi

L’album, frutto di anni di lavoro e ispirazione, è stato sottoposto all’ascolto diretto dell’autore stesso, Mikael Niemi, grazie alla collaborazione della casa editrice Iperborea, specializzata nella pubblicazione di letteratura nord-europea. Attraverso una semplice mail, gli Obscure Paths sono riusciti a entrare in contatto con Niemi, condividendo con lui la loro musica e le illustrazioni del booklet. La risposta di Niemi non ha deluso le aspettative, mostrando un entusiasmo sincero per la musica presente nell’album e una profonda gratitudine per essere stato fonte d’ispirazione attraverso il suo romanzo. A parlare degli Obscure Paths, adesso è anche una pagina di un giornale locale di Haparanda, al confine tra Svezia e Finlandia: la musica ha cancellato le distanze in un istante. Di certo, questa interazione artistica ha evidenziato la potenza della connessione tra musica e letteratura, confermando il successo e il significato dell’album “Cosmonisti”. Tuttavia, il vero successo della band è stato dimostrare, in questo modo, che l’universo della musica è un luogo senza limiti, pronto ad accogliere ogni avventura.

NOTA BIOGRAFICA

Gli Obscure Paths sono un quartetto strumentale nato nel 2006. Originari di Molfetta (BA), il loro percorso musicale è caratterizzato dalla ricerca incessante di nuovi orizzonti sonori con un’impronta post-rock e progressive. Con l’album di debutto “Obscure Paths in the Light” nel 2007, hanno iniziato a tracciare il loro percorso nell’universo della musica strumentale. Nel 2016 la loro esperienza artistica prosegue con l’uscita di “Meta“. Il loro ultimo sforzo, “Cosmonisti” del 2023, è un viaggio cosmico attraverso suoni eterei e atmosfere suggestive, un’esperienza sensoriale che invita gli ascoltatori a esplorare nuovi mondi attraverso la musica. Privi di testi, i loro brani si immergono completamente nella bellezza dell’intricata tessitura musicale, offrendo ai loro ascoltatori un viaggio senza parole, dove ogni nota, ogni accordo, ogni sfumatura racconta una storia unica e personale.

La band è composta da: Dario Sciancalepore (Batteria e Tastiere), Fabrizio de Ceglia (Chitarra solista), Sergio de Ceglia (Basso), Vincenzo Angione (Chitarra ed effetti).

Link per l’ascolto Spotify: https://open.spotify.com/intl-it/album/6aqoN7AchNPBu7TJXhj8Wr?si=5uiEQV7rTWq3-sKvoghbmQ 

Social

Cultura

“La vita di Maria nell’arte, tra musica e poesia”

Venerdì prossimo, 31 maggio, alle ore 20 presso la Cattedrale di Molfetta, si terrà un evento di beneficenza organizzato dal Gruppo di Volontariato...

Cultura

“Suonar Un Desiderio”

Andrà in scena, domenica 26 maggio, a chiusura della rassegna “La Stagione Delle Muse” per la direzione di Francesco Tammacco, lo spettacolo di Benedetta Lusito: “Suonar un desiderio”.Un viaggio...

Politica

Maurizio Acerbo questa sera a Molfetta

Questa sera alle ore 19.00 a C.so Umberto – Altezza Galleria Patrioti Molfettesi (in caso di pioggia l’iniziativa si terrà in Piazza Paradiso...

Sport

A Capo d’Orlando la resa dei conti: in palio l’accesso alla finale playoff

Esattamente una settimana dopo a Capo d’Orlando si replica. La DAI Optical Virtus Basket Molfetta torna ad attraversare lo Stretto alla ricerca di...