“Caro Don Gaetano. Voci in andata e ritorno ferme nel tempo”

“Voci in andata e ritorno ferme nel tempo”. Voci che, appunto, sono veicolate da alcune parole-chiave; e queste, scelte dall’autrice e scritte nel Carteggio, come l’autrice stessa precisa, sono parole che, oltre ad avere valore universale, possono anche “aiutarci a comprendere la storia dei suoi protagonisti, anche attraverso il non detto”.
Sta qui, sta tutto qui il senso profondo del presente saggio che viene ad impreziosire una collana pensata, scritta e realizzata come personale tributo d’affetto a uno dei pugliesi che, resistendo anche all’ingiuria e alle insulsaggini del nostro tempo, alta tiene la nomea degli intellettuali della sua terra.

Social

Attualità

Restauri e mostre al Museo Diocesano: nuovi orari per il periodo estivo

Prosegue dal 3 maggio, con significativo interesse di pubblico, la mostra d’arte contemporanea allestita nei nuovi ambienti annessi al Museo Diocesano dal titolo...

CulturaMaior

“Sono lieto che i cari concittadini si ricordino di me”

L’idea di rendere possibile un’intervista impossibile è scaturita leggendo quella che “Il Messaggero” ha fatto lo scorso anno a Benjamin Franklin (Boston 1706...

AttualitàMaior

Mandorla e Vesica Piscis: un connubio sacro nel Bocconotto Molfettese

La storia del Bocconotto Molfettese, un dolce tipico pugliese dal sapore intenso e dalla consistenza morbida, affonda le sue radici in un passato...

CulturaMaior

Il fascino delle ‘‘marce funebri molfettesi”

Un apporto determinante alla suggestività delle processioni della Settimana Santa indubbiamente viene offerto dalle “Marce Funebri” che la banda esegue lungo il suo...