Ad aggiudicarsi Gara 2 di semifinali è la Virtus

Al Pala Poli non si passa. Questo vale anche per Capo d’Orlando che, per la seconda volte in questa stagione, a Molfetta non riesce a fare il suo gioco sino in fondo, trovando un Virtus decisa, determinata, attenta in difesa e concreta in attacco. Settantadue ore dopo il match dell’Infodrive Arena, ad imporsi dinanzi ad un pubblico spettacolare è la DAI Optical Virtus Basket Molfetta per 85-79, pareggiando i conti in Gara 2. Tutto si deciderà domenica, in Gara 3, ancora in Sicilia, ancora contro Capo d’Orlando. La partita è di quelle dure, tirate ed incerte sino all’ultimo secondo, caratterizzata da continui sorpassi e controsorpassi. Insomma, non adatta ai deboli di cuore. È sicuramente una Virtus diversa da quella vista 72 ore prima in Sicilia. Gli uomini di coach Carolillo non sbagliano l’approccio e dopo appena trenta secondi vanno in vantaggio con una tripla di Calisi. Un minuto e mezzo dopo sono i padroni di casa a trovare il 3-3 sempre con un tiro da tre punti. Aramburu, Formica e Paglia permettono ai biancoazzurri di rimanere incollati agli avversari e sul 10-10 va a segno nuovamente il capitano che poco dopo regala un assist delizioso a Paglia. L’ingresso di Sirakov si fa sentire: sul finale del primo quarto è proprio il bulgaro a prendere per mano la squadra, permettendole di chiudere dopo i primi 10 minuti in vantaggio sul 20-17. E’ ancora Sirakov ad andare a segno ad inizio secondo quarto con una tripla, innescando, tuttavia, l’immediata reazione ospite che, dapprima si porta a-1 dalla Virtus e poi perfeziona il sorpasso sul 23-24. E ’uno dei momenti cruciali della gara e questa volta è la Virtus a non farsi sorprendere: Gloria e ancora Sirakov con una magistrale realizzazione da tre punti portano Molfetta a +4 . Con una nuova impetuosa risposta, l’Orlandina ritrova il pareggio sul 30-30 per poi andare nuovamente sotto dopo l’ennesima tripla di Sirakov. Ed è ancora lui sul finale del terzo quarto a dare respiro ai suoi compagni, trovando altri tre punti che valgono il 38-36. Vivo e acceso è il terzo quarto, quello in cui, secondo dopo secondo, matura la vittoria biancoazzurra. Prima di tornare a far sentire la pressione, Capo d’Orlando subisce i primi quattro punti della Virtus Molfetta ad opera di Aramburu e Stefanini. Il pareggio degli ospiti è dietro l’angolo e si materializza sul 44-44, trascinati ancora da Jasaitis, Gatti e Moltrasio. Se le percentuali da tre dell’Infodrive si attestano come sempre molto alte, ugualmente alte sono quelle di Sirakov che continua a far punti: sua la tripla del 47-44. Poco dopo lo imita alla perfezione Gloria per un vantaggio Virtus che non decolla. Orlandina è sempre là e raggiunge nuovamente il pari sul 54-54. Tutto da rifare per i padroni di casa che non desistono e sul finale del terzo quarto trovano un prezioso +4 dopo le realizzazioni di Calisi e Gloria. Il penultimo parziale di 62-59 non lascia tranquilli gli uomini di Carolillo che però non si fanno più raggiungere. Macinano gioco e realizzano, sino al termine della partita, ulteriori 23 punti. Nel mezzo i continui attacchi di Capo d’Orlando tenuta abilmente a distanza dalle triple di Paglia e Stefanini, mentre Aramburu firma il canestro del +10 sul 78-68. A nulla serve l’ultimo sussulto degli ospiti perché Sirakov guadagna ripetuti falli a proprio favore e si rivela letale successivamente dalla lunetta. Il secondo round tra Virtus Molfetta e Orlandina Basket termina sul 85-79 lasciando il verdetto finale a Gara 3, che domenica decreterà la seconda finalista, quella che affronterà Ragusa.

Tabellini:
DAI Optical Virtus Basket Molfetta: Aramburu 12, Sirakov 25, Calisi 10, Stefanini 8, Formica 4, Paglia 14, Gloria 12, Giorgini 0, Sadreika 0, Mezzina ne, Annese ne, Plantamura ne. All. Carolillo
Infodrive Orlandina Basket: Carida 4, Jasaitis 12, Gatti 20, Mascherpa 5, Moltrasio 10, Palermo 9, Favali 4, Marini L. 12, Agbortabi 3, Mentonelli 0. All. Bolignano

Ufficio Stampa Virtus Basket Molfetta

Social

CulturaMaior

“Sono lieto che i cari concittadini si ricordino di me”

L’idea di rendere possibile un’intervista impossibile è scaturita leggendo quella che “Il Messaggero” ha fatto lo scorso anno a Benjamin Franklin (Boston 1706...

AttualitàMaior

Mandorla e Vesica Piscis: un connubio sacro nel Bocconotto Molfettese

La storia del Bocconotto Molfettese, un dolce tipico pugliese dal sapore intenso e dalla consistenza morbida, affonda le sue radici in un passato...

CulturaMaior

Il fascino delle ‘‘marce funebri molfettesi”

Un apporto determinante alla suggestività delle processioni della Settimana Santa indubbiamente viene offerto dalle “Marce Funebri” che la banda esegue lungo il suo...

Attualità

Stefano Salvemini eletto Presidente di Confindustria-Gipea

In occasione del congresso annuale tenutosi a Genova il 13 e 14 giugno 2024, il molfettese Stefano Salvemini, Amministratoredell’Editrice L’Immagine srl, è stato...